home page           contatti           links           info           help          area riservata

 
 

comune           servizi on line           guida ai servizi           carbonate           indirizzi utili           cultura e ambiente           eventi

 
     

Iscrizione leggibile sul basamento della crocetta: lo stemma dei Moneta Foto Frontini

 

 

Il Monumento ai Caduti, collocato nel "Cimiterino" - foto Spennagallo

personaggi

chiese

monumenti

parchi e giardini

ville e cascine

cortili

folklore

galleria immagini

 

Monumenti

 

La "Crocetta" di Carbonate

Presso il Municipio, nel prato a destra dell'entrata, si eleva un'antica stele eretta dalla famiglia Moneta in ricordo della peste che si abbatté sul paese verso la fine del Cinquecento. La "crocetta" di Carbonate deve risalire a quest'epoca, poiché il basamento reca un'incisione decifrabile come 1588, oltre allo stemma dei Moneta e al nome Jo. Anton. Moneta.
La stele, quando fu eretta, si trovava ai piedi della Rampa Scalini, probabilmente a indicare la strada per la Cascina Moneta, dove appunto risiedevano gli omonimi signori.
Attualmente la Crocetta è situata nelle immediate adiacenze del Palazzo Municipale.

 

il cimitero vecchio di Carbonate

Fino al 1788 era tradizione la sepoltura dei defunti nelle aree attigue alla chiesa parrocchiale. A Carbonate, il primo cimitero era posto dunque nella zona attualmente occupata dal battistero, dalla cappella di Sant'Agnese e dal sagrato.
Sicuramente ancora molti nostri compaesani hanno ancora viva in mente la notizia del ritrovamento avvenuto nel 1987 di una nicchia contenente un defunto riccamente vestito, con tanto di cintura e calzature ancora identificabili. Il corpo fu poi murato nuovamente nella tomba murale. Ci è nota la presenza di altri sepolcri, nobiliari e comuni, che costellano tutta la chiesa.
Il cimitero vero e proprio era circondato da un alto muro, e da una grata in esso aperta era visibile l'ossario.
L'usanza di seppellire i nostri morti nei centri dei paesi venne rifiutata in modo categorico dal pensiero illuminista che si affaccio alla fine del XVIII secolo anche il Lombardia. Tale consuetudine era considerata portatrice di malattie e problemi sanitari, tant'è che l'Editto di Saint-Cloud, fonte di ispirazione per Foscolo nella stesura de "I Sepolcri", ne vietò espressamente la continuazione.
Il nuovo camposanto, quello che oggi noi chiamiamo comunemente "Cimitero Vecchio", fu costruito fra il 1785 e il 1786 sulla strada che conduce a Locate, al tempo ancora lontana dalle abitazioni civili. L'ultima sepoltura effettuata nella chiesa parrocchiale fu quella di tal Veronica Montana nel dicembre del '87, cui rendiamo memoria.
Il cimitero è attorniato da una muratura in sasso e mattone, i cui elementi sono posizionati a seguire le tipiche fogge della nostra tradizione architettonica popolare, come i piastrini della cancellata, l'uso dei coppi, la linea di mattoni sottili che solca trasversalmente tutta la cinta; la parete di fondo ospita un'edicola con un affresco a soggetto sacro, oggi ormai molto danneggiato dall'intemperie e dall'incuria. Il Cimitero Vecchio fu utilizzato fino agli anni '30, quando il podestà Giani decreto la costruzione della nuova struttura che oggi ospita i nostri più recenti antenati.
Nel '61 fu elevato a "Monumento nazionale" ed è sede di un cippo posto a ricordo dei caduti cartonatesi ingiustamente morti nelle guerre di questo secolo.